21 Maggio 2019
[]
news
percorso: Home > news > Modena

Progetto "ZORRO" (II Parte, seguito)

12-03-2017 22:23 - Modena
( II Parte) seguito

Progetto"ZORRO"

Progetto rivolto alla comunicazione dello sport pulito, la lotta al doping ed alla droga nelle Scuole.
Realizzato e diretto da Franco Bulgarelli con la collaborazione dei Veterani dello Sport di Modena.

L´Unione Nazionale Veterani dello Sport, è una Associazione Benemerita riconosciuta dal C.O.N.I. con accreditamento al M.I.U.R.


I VALORI DELLO SPORT di GIOVANNI SALBAROLI

Un progetto scolastico per riflettere con i ragazzi sul mondo dello Sport con l´obiettivo di renderli consapevoli degli autentici valori che fondano ogni attività sportiva.

Coniugando le discipline di educazione fisica e lettere è possibile.

Coniugare le discipline di educazione fisica e di lettere in un progetto comune... impresa impossibile? Certamente no, a condizione che i docenti siano così tanto appassionati da riuscire a trasmettere la loro passione per lo sport anche agli alunni.
L´idea è di costruire un progetto scolastico a partire dal tema sportivo.
Per la verità, non ho ancora un programma ben definito. Dovremo navigare a vista, senza fissare degli obiettivi immediatamente valutabili, attratto come sono anche dalla piega che potrebbe assumere il progetto stesso, un po´ come quando - con spirito di avventura - si intraprende un viaggio senza avere una rotta precisa e consapevoli che gli ostacoli da superare saranno tanti.
Sono partito, perciò, seguendo un unico filo conduttore, la volontà, cioè, di riflettere insieme ai ragazzi sul mondo dello sport. Una riflessione, questa, che quasi si impone per l´attualità dell´argomento, in quanto tristemente ormai possiamo constatare che buona parte del mondo dello sport è afflitto da un vero e proprio cancro, che lo sta degradando e divorando dall´interno.

In molti ambiti lo sport ha finito infatti col mutuare dalla società malata tutte quelle connotazioni negative che essa ha prodotto nel corso del suo inarrestabile "progresso": arrivismo, potere, denaro, successo ad ogni costo, disonestà.

Premesso che sono partito dalla considerazione, certo poco "decoubertiniana", che quando si gareggia è giusto che ogni atleta cerchi di vincere con tutte le sue forze, sarebbe "bello" cercare, attraverso le discussioni con gli alunni, di renderli gradualmente consapevoli degli autentici valori che fondano lo sport e che lo rendono, sin dai tempi degli antichi Greci, così affascinante. Ne risulterebbe, pertanto, una lettura alquanto singolare per loro, non abituati come sono a cogliere il lato umano del campione, reso finalmente spoglio di tutte le prerogative imposte dai mass-media e dagli sponsor, e ridotto - invece - a "persona" capace di commuoversi, di sbagliare, di deludere, di gioire come qualunque altro essere umano. Facile sarà far emergere gli aspetti "etici" dello sport ed a fare comprendere che competizione e legalità (intesa come osservanza di norme) possono, anzi devono, coesistere nello sportivo. Noi della UNVS siamo convinti, a questo proposito, che l´educazione fisica o la pratica (a livello amatoriale o agonistico) di un qualsiasi sport possono rappresentare - se correttamente indirizzati - uno dei modi migliori per generare i veri "cittadini" di domani.

Va da sé, ad esempio, che i campetti degli oratori o dei comuni sono stati per decenni l´unico baluardo contro il degrado giovanile di interi quartieri. Tuttavia oggi, e qui gli allenatori di qualunque squadra ne converranno, è sempre più difficile far comprendere ai ragazzi l´eticità dello sport, che parte dal rispetto dell´avversario e arriva all´accettazione serena della sconfitta (il famoso "bisogna saper perdere"). Far capire che praticare uno sport significa fatica e sacrificio, paziente attesa del momento della vittoria, lealtà, concentrazione, rispetto, ecc. risulta compito arduo, come già detto, in una società dominata dal culto del "tutto e subito" (e possibilmente senza alcuno sforzo, anzi, se è il caso, infrangendo le regole per ottenerlo).
Oltre ai "racconti" dei Veterani ci si dovrebbe avvalere della lettura di brani antologici, di articoli di giornale, di poesie, di canzoni. I ragazzi potranno analizzarli, in piccoli gruppi e con la nostra supervisione, i documenti, sintetizzandone oralmente e per iscritto i contenuti, discutere argomentando le loro opinioni, esprimere giudizi, maturare un punto di vista personale, per concludere il lavoro con la stesura di un breve ma curato dossier... tutto questo, credo e mi piace pensare che tra non molto sarebbe bello dire crediamo, permetterebbe agli alunni di riflettere con spirito critico su un mondo, quello sportivo, ormai sommerso dagli interessi economici e commerciali.

Lo Sport non parli il linguaggio della guerra. Noi Veterani, lanciamo un appello agli atleti, agli allenatori, ai rappresentanti del mass-media, dei club e delle federazioni sportive, agli organizzatori di eventi sportivi a livello locale, regionale, nazionale ed internazionale - meglio più semplicemente a tutti i membri della comunità sportiva che sono convinti del ruolo positivo dello sport nel nostro mondo, di unirsi a noi.

Quindi noi della UNVS, membri di una famiglia sportiva che si basa su questi Valori, raccomandiamo che: squadre, atleti, allenatori devono bandire espressioni aggressive e linguaggio militaresco quando parlano dei loro avversari. Devono essere consapevoli della propria influenza nel ruolo di modelli per le nuove generazioni e per la società nel suo insieme. Perfino le più importanti competizioni sportive devono restare un gioco, nel quale l´avversario è un partecipante e non un nemico. Pertanto, nessuno deve usare espressioni collegate alla guerra. Nessuno deve cercare di "distruggere, uccidere, spazzare via il nemico". Tutti devono sforzarsi di ottenere una vittoria corretta e tollerante, evitando di usare termini del tipo uccidere, cancellare l´avversario. Lo Sport non è guerra.

I mass-media devono fare uso della loro grande influenza sulla società per facilitare questo percorso e bandire il linguaggio militaresco dallo sport. Consapevoli della necessità di rispettare in pieno l´indipendenza e l´autonomia dei media, vogliamo insistere di non lasciare spazio alla diffusione di idee violente, ma di sottolineare i valori di correttezza, tolleranza e rispetto insiti nello sport. E nel caso si usi il linguaggio militaresco, sia solo nel senso di condannarlo. La stampa ha un valore educativo, così come la TV e tutti gli altri media. Tutti questi hanno un ruolo importante da svolgere nel guidare la società verso i valori giusti. Lo Sport non è guerra.

I tifosi devono continuare ad essere orgogliosi delle loro quadre, club ed atleti preferiti, senza offendere gli avversari. Senza l´avversario, non c´è incontro, gioco, competizione. I tifosi devono riconoscere che l´avversario merita come minimo lo stesso rispetto e la stessa attenzione dell´atleta o della squadra preferita. Spetta anche a loro mettere al bando l´aggressione, l´atmosfera di conflitto, l´odio dagli stadi e dai campi sportivi. Lo Sport non è guerra.

Onore: un valore antico ma attuale. Vincere con onore significa vincere in modo corretto; perdere con onore significa aver gareggiato con impegno e accettare serenamente la sconfitta. Si rende onore al proprio avversario stimandolo, si rende onore al proprio paese dando il meglio di sé.

E così, in uno sforzo congiunto da parte di tutti noi, facciamo in modo che lo Sport sia uno spazio per gioia, divertimento, comprensione, tolleranza e correttezza - e non permettiamo all´aggressione, alla guerra e all´odio di fare ingresso nei campi sportivi e negli stadi. Questo non è rispettoso nei confronti dello Sport e ancor meno nei confronti delle vittime delle numerose guerre in corso nel mondo. Proviamoci...

Studenti a Scuola di Volontariato.

I Veterani dello Sport di Modena e l´Associazione Dico No alla Droga, impegnati alle Officine della Solidarietà.

Dal 2 al 10 di febbraio, 1300 ragazzi, nella splendida cornice del Foro Boario, incontrano le Associazioni per nuove opportunità.
Sono ormai tre anni che I Veterani dello Sport di Modena nello sviluppo del progetto Zorro, hanno stretto la collaborazione con l´associazione Dico No alla Droga, per la comunicazione nelle scuole dello sport pulito, e la lotta al doping ed alla droga.
Quale migliore occasione se non quella di essere presenti alle Officine della Solidarietà, una iniziativa che ormai da 13 anni promuove l´incontro di tutte le Associazione di volontariato con gli studenti, a partire dalla 3° media fino alla 2° superiore.
All´interno dello stand, dove i ns. responsabili hanno incontrato a gruppi di 5 gli studenti, si è fatto uso delle moderne tecnologia multimediali per cogliere la massima attenzione, oltre a promuovere il contatto diretto con chi quel grave problema lo ha vissuto e fortunatamente vinto.
Una esperienza meravigliosa per umanità e voglia di mettersi a disposizione per un aiuto diretto. La solidarietà ed il volontariato - afferma l´assessore Gianpiero Cavazza - che nei nostri territori hanno radici profonde, costituiscono il collante del nostro fare comunità, sono i cardini di una società inclusiva e coesa.
In tal senso, Le Officine della Solidarietà sono davvero un esempio riuscito per sensibilizzare i nostri giovani sui temi della solidarietà, dell´integrazione e della cittadinanza attiva.
Ha preso poi la parola la responsabile dell´Ufficio Scolastico Regionale per l´Emilia Romagna prof.ssa Silvia Menabue, la quale ha rimarcato quanto la Scuola ed il Volontariato sappiano fondersi per trasmettere ai ragazzi una formazione aperta alla vita e più completa.
Il delegato UNVS Emilia Franco Bulgarelli, ha poi brevemente illustrato le finalità e gli scopi dell´U.N.V.S. quale Associazione Benemerita riconosciuta dal C.O.N.I. con accreditamento al MIUR, ed il lavoro svolto attraverso il Progetto Zorro.
Tra l´altro, la presidentessa dei Servizi per il Volontariato Emanuela Carta, in un incontro alle scuole San Carlo, ha ribadito che il volontariato si sta dimostrando anche una opportunità in più per trovare lavoro, facendo sia curriculum, sia facendo capire ai giovani la propria vocazione, oltre che rafforzare il grande patrimonio della famiglia.
___________________________________________________________________________________


Progetto "Alla mia Età" con C.S.I. Modena Volontariato.

Quando i Partners sanno essere uno per l´altro, una continua staffetta verso il risultato comune: Per l´anno sportivo 2016/2017 prenderà il via il progetto "Alla mia Età", proposta a carattere sportivo e sociale per la valorizzazione delle persone anziane della provincia di Modena.
Un occasione per coinvolgere gli over 55 in maniera attiva all´interno della propria comunità, partendo dal concetto di "benessere condiviso" trasmesso con l´attività di gruppo. C.S.I. e Veterani dello Sport a Modena; come implementare le opportunità esperienziali per un fine comune.




NORME E REGOLAMENTI INTERNI PER LE SCUOLE CALCIO ED I SETTORI GIOVANILI.

FONDAMENTALE.

Avere un comportamento corretto e leale verso chiunque è sinonimo di maturità personale e sportiva.

Comportamento prima durante e dopo l´allenamento o la gara.
NELLO SPOGLIATOIO.

A)Cambiarsi al proprio posto riponendo con cura gli effetti personali nella propria borsa.

B)Mettersi a disposizione dell´Allenatore ascoltando con attenzione le sue indicazioni rispettandolo e portare rispetto anche ai propri compagni ed ai loro oggetti personali.

C)La seduta di allenamento inizia e termina nello spogliatoio.
Si può scherzare e vivere in un ambiente gioioso senza offendere o creare disordine.

D)Al rientro negli spogliatoi spogliarsi avendo cura del vestiario da gioco e di quello personale.
Restare sotto la doccia massimo 10 minuti e lasciare libero lo spogliatoio nel massimo ordine.

Importante.

Asciugarsi bene i capelli prima di uscire. Si rimarca quanto sia importante fare sempre la doccia dopo un allenamento o una gara, non solo per un fattore igienico ma principalmente per una questione di salute.

Gli allenamenti settimanali sono due. Qualora per giusti motivi se ne saltasse uno, è possibile recuperarlo in altro giorno concordato con la Società. Non è possibile effettuare più di due turni di allenamenti a settimana.

PER LA PARTITA.

A)Leggere attentamente la convocazione alla partite sulla bacheca esposta in corridoio alla fine dell´ultimo allenamento, scrivendo SI o NO in prossimità del proprio nome, specificando ( in caso di trasferta ) se andrete direttamente al Campo destinato o se vi troverete in Sede per partire tutti insieme.
Ricordatevi che il vostro referente è l´Allenatore.

B)Per qualsiasi dubbio o chiarimento chiamate uno dei NUMERI UTILI già in vostro possesso, ma non per abitudine.

C)Presentarsi puntuali, avvisando per tempo per qualsiasi imprevisto.

D)Alle volte ( anche per esigenze oggettive ) può rendersi necessaria la convocazione di atleti della categoria più giovane. Per l´atleta deve essere motivo d´orgoglio essere stato chiamato. Resta inteso che la gestione del tutto spetta ai soli Allenatori interessati che avviseranno i singoli Genitori sul cambiamento di programma.

IMPORTANTISSIMO.

Indossare sempre l´abbigliamento messo a disposizione dalla Società.
E)Materiale da non dimenticare per la gara: scarpe da calcio e da ginnastica, parastinchi, indumenti personali per cambiarsi e fare la doccia.

F)Nello spogliatoio prendere posto ed aspettare le indicazioni dell´Allenatore con attenzione.

G)La partita inizia e termina nello spogliatoio. E´ dall´approccio mentale del prima e del dopo che si costruisce la forza che esprimiamo in gara.

H)Salutare sempre e portare rispetto ai Giocatori avversari, ai Dirigenti tutti ed all´Arbitro.

I)Rientrando negli spogliatoi, sia che si giochi in Casa che in Trasferta tenere lo stesso comportamento richiesto per l´allenamento. La vera forza di una squadra è l´ordine.
Silenziosi, rapidi e scrupolosi con il vestiario di gioco e quello personale.

J)In caso di infortunio, sia in allenamento che in gara, si deve prontamente avvisare l´Allenatore e/o un dirigente della Società.

K)Non portate valori inutili sia in allenamento che durante le gare, ed abbiatene la massima cura. Tenere spenti i cellulari e possibilmente consegnateli al dirigente responsabile.

I MATERIALI.

Ogni Atleta ha in dotazione materiale che è stato consegnato all´atto dell´iscrizione. Questo deve essere mantenuto nel miglior modo possibile, perché è l´unico abbigliamento ammesso durante gli allenamenti e le gare amichevoli ed ufficiali. La stessa raccomandazione di rispetto vale per tutti i materiali e gli impianti utilizzati per l´allenamento, ( palloni, ostacoli, birilli, cinesini, il campo di gioco, i campi da calcetto e la palestra ), e per tutte le Persone che operano per mettervele a disposizione.

Obbligatorio. Indossare sempre e solo l´abbigliamento della Società.

1° Allenamento DIVISA COLORE X 2° Allenamento DIVISA COLORE Y

Nella borsa dell´Atleta ci deve sempre essere.

Allenamento Estivo. 1 Completo colore X o Y, 2 paia di scarpe ( da ginnastica e da calcio per palestra e campo sportivo ),indumenti personali per cambio e doccia.

Allenamento Invernale. 1 Completo colore X o Y, tuta o scaldamuscoli, felpa, 2 paia di scarpe ( da ginnastica e da calcio per palestra e campo sportivo ),berretto di lana, guanti, indumenti personali per cambio e doccia.

Si ricorda all´atleta di controllare sempre personalmente il contenuto della borsa prima di ogni allenamento e partita.

Questa che può sembrare solo una precauzione, è in realtà una parte fondamentale del giusto approccio alla disciplina sportiva.

Consigli utili per una corretta alimentazione prima e dopo gli allenamenti e le gare di gioco.

Alla base di una corretta alimentazione vi è sempre la giusta misura dei cibi e delle bevande che stiamo per assimilare ed il suo tempo tecnico affinché il tutto sia ben digerito e trasformato in energia. Altrettanto dicesi per la regolarità nella loro assimilazione, senza esuberi o digiuni, solo così si potrà parlare di Giusta Dieta Alimentare.
Tempo di assimilazione. Quando rientrate da scuola, prima di venire ad allenarvi, o per la partita, essendo poco il tempo a disposizione, cercate di mangiare adagio delle porzioni misurate di ciò che trovate in tavola. Altrettanto vale per il bere ( non gassato né molto freddo ). Attenzione ai gelati consumati in attesa dell´allenamento o prima della partita.
Dopo ogni prestazione è giusto reintegrare le energie e liquidi persi, ma anche in questo caso con misura, mangiando adagio e bevendo a piccoli sorsi perché il tuo fegato dopo uno sforzo sta già lavorando per recuperare le fatiche sportive, quindi rischi di intasarlo. E ricordiamoci sempre l´importanza di una buona igiene compreso quella orale.
Integratori. La vostra giovane età ha nella regolarità e nell´equilibrio la miglior forza che può esprimere. Solo il medico curante può decidere se esiste la necessità di integrare la vostra alimentazione con farmaci e/o prodotti.

Chiunque vi si avvicinasse, al campo come a scuola consigliandovi prodotti o sostanze varie, avvisate subito un dirigente o l´insegnante, e comunque sempre i genitori.





COLLABORAZIONE TRA UNVS NAZIONALE E UAS DEI VVF (Ufficio Attività Sportive) di PIERO LORENZELLI

Esiste una buona collaborazione tra UNVS Nazionale ed UAS VVF, iniziata nell´anno 2012.
Detta sinergia si è concretizzata durante il Campionato Nazionale di Calcio a 5 riservato ai VVF, tenutosi a Sestri Levante, proprio nell´anno 2012.
La collaborazione è proseguita nel 2013, il 16 Luglio, presso l´Arena di Milano, per la celebrazione del 69° anniversario dalla conquista dello Scudetto di Guerra del 1944, con la vittoria della squadra di calcio del 42° Comando dei Pompieri della Spezia, che, presso lo stadio milanese, batterono in finale la squadra del grande Torino dei Mazzola, Loik, Gabetto, Piola. Nell´occasione vi fu la deposizione e scoprimento di una lapide in ricordo dei VVF della Spezia, con diverse presenze di prestigio come il presidente della Lega Serie B, Abodi, il Prefetto della Spezia Forlani, il Sindaco Federici, Antonello Capone Caporedattore Gazzetta dello Sport, giornalisti RAI, e di una delegazione UNVS (dato che in quella squadra campione di guerra militarono dei calciatori che, nel 1972 furono tra i soci fondatori della Sezione UNVS della Spezia) Presente anche il Dirigente Superiore della UAS VVF, Prof. Fabrizio Santangelo e dirigenti del Comando VVF di Milano. Crest dell´UNVS sono stati consegnati ai dirigenti sportivi ed autorità presenti
Link dell´evento sul sito Nazionale dei Vigili del Fuoco ed unvsliguria.it:



La partecipazione continua nel 2014 con un incontro di calcio a 11, per beneficenza, in quel di Siena, tra la compagine UNVS, vincitrice del Campionato Nazionale Veterani ed una rappresentativa nazionale dei pompieri.

Link dell´evento pubblicato sul sito Nazionale dei VVF:


La cooperazione continua e nel Luglio 2014, in occasione del 70° dalla vittoria dello Scudetto di Guerra, presso lo Stadio Alberto Picco della Spezia, l´UNVS spezzina co-organizza un evento a scopo benefico, quadrangolare di calcio con la partecipazione delle Vecchie Glorie del Torino, degli Old Stars dello Spezia Calcio, delle rappresentative dei VVF e della Nazionale UNVS. Grande successo dell´evento che porterà alla distribuzione di oltre 16 mila euro, destinati in beneficenza.

Comunicato stampa del Ministero dell´Interno:

Altri links:
http://www.liguriasport.com/2015/01/14/70-anniversario-scudetto-spezia-ricavato-in-beneficenza/

Al termine dell´incontro i rappresentanti delle 4 squadre si sono recati presso la Base dell´Aeronautica Militare di Cadimare (SP), per festeggiare l´evento. In quella sede il Presidente Nazionale UNVS Bertoni ha consegnato il diploma di Socio Benemerito UNVS al neo costituito Gruppo Sportivo Nazionale Fiamme Rosse dei Vigili del Fuoco, nella persona del Prof. Federico Santangelo, suo Dirigente.

http://www.unvsliguria.it/Il-Gruppo-Sportivo-Nazionale-Fiamme-Rosse-Socio-Benemerito-dellUNVS.htm


Anche nel 2015 la partecipazione si consolida, l´UNVS risulta Patrocinatore dei Campionati Italiani di Calcio riservati ai VVF. I Presidenti rispettivamente di UNVS Roma e Padova vengono invitati a presentare riconoscimenti UNVS ai vincitori dei Tornei di calcio a 5 e 11, tenutisi a Chioggia e Roma.
Lo stesso anno, un cantautore italiano, Martino Corti compone una canzone "Addio Domeniche Tranquille", brano che rievoca l´impresa dei VVF spezzini. Presentazione presso la Caserma dei VVF della Spezia e presso lo Stadio Picco, alla presenza di tifosi e sportivi spezzini.

http://www.unvsliguria.it/L-impresa-dei-Vigili-del-Fuoco-della-Spezia-nel-1944-diventa-unacanzone.htm




Presso la Caserma dei VVF della Spezia, in occasione del cambio del Comandante, i dirigenti della locale sezione UNVS fanno visita all´Ing. Calogero Daidone, nuovo comandante, con il quale si continuerà la solida cooperazione già da tempo iniziata.

http://www.unvsliguria.it/LUNVS-della-Spezia-in-visita-al-nuovo-Comandante-dei-Vigili-del-Fuoco.htm


Il 2016, nel mese di Luglio, vede impegnata l´UNVS locale nell´organizzazione con i VVF, la CRI, di un triangolare di calcio, sempre a scopo benefico, che vede coinvolte le formazioni dei pompieri, della Nazionale dei Giornalisti Rai, e della Rappresentativa UNVS, in occasione della rievocazione della vittoria dello scudetto dei VVF.


Alla fine di Luglio la sezione UNVS della Spezia, ha co-organizzato con il locale Comando Vigili del Fuoco, il 2° Campionato Italiano di Nuoto di Fondo, in Acque Libere, riservato ai VVF. La manifestazione natatoria si è tenuta nella acque antistanti il borgo di San Terenzo di Lerici.

http://www.unvsliguria.it/San-Terenzo-2-Campionato-Italiano-VVF-di-Nuoto-in-Acque-Libere-Memorial-Michele-Bonafedi.htm



Nel 2017, 29 Gennaio, presso la base dell´Aeronautica Militare di Cadimare, in occasione della premiazione di Atleta dell´Anno UNVS, è stato consegnato un attestato di riconoscimento e benemerenza ai VVF spezzini, con la seguente motivazione:

"Per il significativo contributo fornito al mondo dello Sport e del Sociale"

http://www.unvsliguria.it/FESTA-VETERANA-E-PREMIAZIONE-DELLATLETA-DELLANNO-A-LA-SPEZIA.htm

Per l´anno in corso sono previste altre manifestazioni sportive, sempre a carattere benefico, che vedranno protagonisti i VVF con la Sezione spezzina dell´UNVS.

Si invitano tutte le Sezioni UNVS, distribuite sul territorio nazionale a collaborare con i locali Comandi dei VVF, ad attivarsi alfine di organizzare insieme manifestazioni sportive, che vedranno coinvolti, ad un tempo, atleti Veterani e VVF.
_______________________________________________________________________________________


L´evento "SCUOLA SPORT" al Parco Ferrari a Modena.

I Veterani dello Sport di Modena e della Spezia insieme.

Sabato 28 Maggio 2016. Oltre 1300 ragazzi delle quinte elementari delle scuole modenesi con il loro docenti, hanno preso parte a "Scuola Sport" al Parco Ferrari di Modena, con prove delle attività sportive apprese durante l´anno scolastico. Insieme ad archi, frecce, canoe, cavalli, fioretti, cesti da basket, tatami, biciclette, una parete per l´arrampicata ed i tanti attrezzi ginnici, c´erano le famose piste del "Giro d´Italia a Tappini" di Giancarlo "Giba" Guani, Consigliere UNVS della Spezia, educatore giovanile ed ambasciatore, tra l´altro, della Fondazione Villaggio Famiglia Onlus, sempre della Spezia. Dopo il successo ottenuto nell´identica manifestazione svoltasi il mese scorso a Serramazzoni, questa 22° edizione del progetto promosso dal Comune di Modena con il patrocinio del C.O.N.I., ha visto la partecipazione di tutte le Associazioni di Promozione Sportiva e Volontariato, con una incredibile affluenza di pubblico e partecipazione ai giochi. Un meraviglioso scenario di felicità ed aggregazione.



Forza Ragazzi...questa ci tocca..
Andiamo per i quartieri, parola d´ordine... " sconfiggere lo spaccio di droghe".

Sabato 7 Maggio 2016, è iniziato il nostro viaggio attraverso i quartieri di Modena con un´unica parola d´ordine, "sconfiggere lo spaccio di droghe".
Primo tra tutti il quartiere Sacca in prossimità della stazione ferroviaria. Con partenza dalla Polisportiva San Faustino tutti i ragazzi e le ragazze dell´Associazione dico no alla droga, assieme ai Veterani dello Sport di Modena, hanno visitato bar, negozi, attività e suonato ai campanelli dei cittadini distribuendo materiale divulgativo sugli irreparabili danni causati dalle droghe. Attraverso comunicazioni Whats App si verrà anche in aiuto di situazioni d´emergenza, coinvolgendo anche le Forze dell´Ordine.
Le Istituzioni hanno espresso un tangibile plauso che ha inorgoglito i nostri sforzi, Forza Ragazzi...



L´U.N.V.S. presenta il suo progetto al C.O.N.I.


"PROGETTO SCUOLA", SULLA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIRETTIVO E DOCENTE,
del prof. Pasquale Piredda.

Pacchetto formativo sull´Educazione Motoria, Fisica e Sportiva nella Scuola dell´Infanzia e nel Primo Ciclo d´Istruzione.
La realtà attuale e i nuovi scenari.
__________________________________________________________________

Festa Nazionale contro la Droga.
I Veterani dello Sport di Modena e gli "Angeli" dell´Associazione "Dico no alla droga", di nuovo protagonisti.

Sabato 18 giugno 2016, in occasione della Festa Nazionale contro la droga, i Veterani dello Sport di Modena hanno organizzato assieme al loro partner di comunicazione, l´Associazione Dico no alla droga, un evento di grandissimo spessore riguardante il messaggio SI ALLA VITA. Con il patrocinio del Comune di Modena la manifestazione ci vedrà impegnati in più aree della Città. Un punto di accoglienza e benvenuto verrà allestito alla Stazione Ferroviaria, mentre il cuore dell´evento si svolgerà nella Piazza Mazzini.
Un gazebo 6x3 ha accolto non solo tutti i ragazzi e le ragazze in maglietta verde per la distribuzione del materiale divulgativo, ma musicisti e artisti con canti e scenette che hanno coinvolto i ragazzi e la cittadinanza, in una vera "Festa della Vita".
La nostra mascotte..."Zorro che incrocia la spada con la siringa spezzandola", sarà la vera vittoria affinchè non vengano spezzate vite che meritano di essere vissute, anche tra le difficoltà, ma sempre ed assolutamente vissute.



Prossimi Appuntamenti.

Zorro e gli Special Olympics.

Il presidente del comitato regionale Emilia Romagna del S.O.I. Cristiano Previti, ci farà da guida alla scoperta di questa meravigliosa realtà. Giancarlo Guani detto "Giba", consigliere dei Veterani dello Sport della Spezia, maestro nel mondo dei giochi di strada e dirigente di una squadra di pallavolo di Special Olympics, ci aiuterà in questa sinergia di comunicazione e collaborazione.



Zorro e la Protezione Civile.

Quando gli eventi, specie di quella negativa sproporzione che hanno colpito il nostro paese nel Centro Italia, devono farci ricordare il bello del semplice quotidiano e l´alto valore dell´altruismo e dell´impegno verso chi si trova in difficoltà.
E tutto si riconduce sempre ad una cultura di lealtà e sportività.

Franco Bulgarelli (info@francobulgarelli.it )






Fonte: Delegato Regionale Franco Bulgarelli
Documenti allegati
Dimensione: 1,04 MB

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]