26 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > Parma

Cena di San Giovanni

21-09-2012 10:57 - Parma
Franco Nero mostra il crest appena ricevuto dal Presidente Corrado Cavazzini
«Sono felice di questa serata, spero vi piaceranno tutte le nostre sorprese»: con queste parole, il presidente Corrado Cavazzini ha salutato l´inizio della cena che la sezione di Parma dell´Unione Nazionale Veterani dello Sport ha organizzato alla Corale Verdi, dall´amico e socio Sante Ferro, per festeggiare San Giovanni. L´inizio del tradizionale conviviale è stato con il «botto», dato che nessuno tra i duecento presenti si aspettava di avere come ospite l´attore parmigiano Francesco Sparanero, noto in tutto il mondo, come Franco Nero, intervistato dal giornalista della «Gazzetta di Parma» Sandro Piovani. Alla presenza dell´attore, diventato «socio onorario» della sezione di Parma dell´Unvs proprio in quella occasione, del prefetto di Parma Luigi Viana, del presidente del Coni provinciale Gianni Barbieri, del vicepresidente vicario nazionale dell´Unvs Alberto Scotti, del consigliere delegato della «Gazzetta di Parma» Federico Costa e dei soci, si sono snodate via via tutte le altre sorprese. Si è partiti con la premiazione dei campioni italiani Unvs tra i nostri soci: Roberto Siragusa (titolo italiano Unvs, over 50, nel campionato di nuoto in acque libere), Pio Coruzzi e Piergiorgio Giovetti (primi rispettivamente nella categoria B4 veterani, età 1937-1941, e nei B3 veterani, classi d´età 1942-1946, ai campionati italiani Unvs di sci 2012) per poi passare alla consegna dei nuovi soci presenti alla serata (Andrea Bertolotti, Mauro Bertoncini, Claudio Mario Cammarata, Arturo Dalla Tana, Paolo Dall´Olio, Massimo Gelati, Roberto Mattioli, Gianni Micheli, Giorgio Pagliari e Luciano Vezzani). Con il sottofondo musicale del duo Beppe&Nino, sono stati consegnati anche i riconoscimenti assegnati dal direttivo nazionale dei Veterani Sportivi al nostro consigliere Silvio Bocchi, al Delegato Regionale dell´Emilia Romagna Unvs Bruno Walter Fassani e al Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti della nostra sezione Vittorio Madureri.

Lucia Bandini

L´appuntamento è per le 20.40, davanti alla Corale Verdi. E lui arriva puntuale. In bicicletta, primo del gruppo di famiglia: appena dietro la nipote, poi la sorella e il cognato. Attore internazionale e cittadino del mondo, nella Parma che ha lasciato poco più che ventenne si sente sempre a casa: lui è Franco Nero. Basta parlargli pochi minuti per capire la frase di un grande regista come Sergio Corbucci: «Ford aveva John Wayne, Leone aveva Clint Eastwood, io ho Franco Nero».
Francesco Sparanero da Parma. «Tornare qui per me è sempre bello, ci ho passato più di vent´anni della mia vita. Poi sono andato in giro per il mondo, a lavorare. E poi si trovano sempre le scuse per tornare a Parma: questo premio, l´anno scorso lo spettacolo al Regio»: Francesco Sparanero, in arte Franco Nero, si è presentato così ai Veterani dello Sport di Parma. Che lo hanno "convocato" per parlare soprattutto del suo forte legame con il mondo dello sport, pugilato, tennis e calcio su tutti. E premiarlo con il Crest. Perché Franco Nero, a parlare di sport, tira notte. «Un grande amore che ho trasmesso ai miei figli e loro ai miei nipoti. Lo sport aiuta a formarsi e a stare lontano da un mondo negativo. Lo pratico e lo seguo. E´ l´unica cosa che seguo in tv».
Pugilato, tennis e calcio. Se mai ce ne fosse bisogno, gli occhi di Franco Nero si illuminano ancora di più a ricordare quando «facevo pugilato ma poi ho smesso per evitare problemi al volto e poi giocavo a calcio, ero una buona ala». E ride di gusto ripensando ai 2.100 gol (già, proprio duemilacento) segnati da amatore di calcio e calcetto. «E´ stato bello quando ho segnato il duemillesimo gol, in una partita al Forum a Roma. Mi avevano preparato una canottiera da mettere sotto la maglia ufficiale, con scritto 2000. Era il 2006. Il gol 2000 arrivò solo su rigore. Anche un po´ generoso». E giù un´altra risata.
Attore e cittadino del mondo. Franco Nero ha lavoro sui set di tutto il mondo. E´ un attore internazionale ma soprattutto è un cittadino del mondo. Ogni paese è casa sua. «Sono un privilegiato perché ho avuto la fortuna di lavorare dappertutto, con tutte le cinematografie del mondo. Con i più grandi registi. Mi piace il cinema nel suo complesso. Ed ho la fortuna di essere conosciuto e questo mi offre la possibilità di poter scegliere. Così, un anno vado in Brasile, poi magari in Ungheria o in Scozia. Mi diverte gustare queste cinematografie differenti, perché sono un curioso».
Beneficenza, ma in silenzio. Franco Nero non ne parla volentieri. Bisogna rifare la domanda almeno un paio di volte. Quel centro di Tivoli che accoglie i ragazzi in difficoltà di tutto il mondo fa parte del suo privato. Difficile da far emergere. Nel 2013 saranno cinquant´anni al fianco del centro Don Bosco di Tivoli. «Mah... Questo è stato un incontro eccezionale che ho avuto quando avevo ventuno anni. Un incontro che mi ha cambiato, con questo pretino, don Nello. Mi sono innamorato del suo progetto. Allora non avevo una lira ma gli promisi di aiutarlo. E così è stato. Tutto qui. E´ la mia seconda casa, spirituale. E cerco anche di raccogliere fondi per loro». Di più non aggiunge.
Si poteva parlare di Django, del cameo concesso a Quentin Tarantino, di film e progetti. Per una sera però Franco Nero è tornato nella sua Parma. In arrivo dal mondo.

Sandro Piovani, «Gazzetta di Parma»

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account